RSS

Archivio mensile:aprile 2014

Il Figlio della Luna

514dLZRpt8L._AA258_PIkin4,BottomRight,-47,22_AA280_SH20_OU29_

 

Oggi esce sul Kindle Store il mio primo romanzo, un ebook autopubblicato di circa 17000 parole (una settantina di pagine in A5): Il Figlio della Luna.

Si potrebbe definire uno urban fantasy, anche se l’unico elemento fantastico è il protagonista, un uomo affetto dalla maledizione della licantropia, mentre lo sfondo su cui si muove è decisamente realistico: Midiapoli, una grande metropoli italiana, sede di grandi aziende, banche e poteri finanziari, piagata dalla corruzione e dalla criminalità con una parte sempre più numerosa dei suoi abitanti che sprofonda nella miseria, schiacciata dalla crisi, dalla disoccupazione e dalla criminalità.

Massimo Lodi, il protagonista, è un uomo in grandi difficoltà economiche, vive in uno squallido appartamento di periferia, sopravvive con lavori saltuari e infine è perseguitato da agenti del recupero crediti, abbastanza per abbattere un uomo comune che ha perso la fiducia nella società in cui vive, ma ben presto un cruento episodio di cronaca nera scatena in lui la volontà di colpire e punire i responsabili: ad aver paura e a soffrire dovranno essere gli aguzzini, i criminali, i corrotti.

Egli ha un controllo parziale della sua parte bestiale, quest’ultima però influenza la parte umana, rendendolo più aggressivo e impulsivo, non mostrerà molta pietà per coloro che ritiene colpevoli o per coloro che lo ostacoleranno.

Si tratta di un ebook amatoriale, la copertina è stata realizzata con il programma di Amazon ed è molto semplice, non mi aspetto certo numeri rilevanti, mi auguro che qualcuno possa leggerlo e magari inviarmi un feedback, sia esso positivo o negativo.

Premetto che contiene scene violente e sanguinose (l’estratto gratuito ne è un esempio) che possono non piacere a seconda dei gusti (e di quanto sono stato bravo o meno a scriverle).

Termino qui senza dilungarmi oltre, il Figlio della Luna sarà in promozione gratuita domani sabato 26 aprile e domenica 27, dopodiché sarà in vendita al prezzo di 0,89 € ma sarà comunque possibile scaricare l’estratto gratuito del primo capitolo.

Il Figlio della Luna su Amazon Kindle Store

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 25 aprile 2014 in Senza categoria

 

Tag: , , ,

La morte dell’erba

Immagine

Trovato per caso in un mercatino di Bologna (che se avessi avuto più soldi dietro avrei saccheggiato abbondantemente), “La morte dell’erba” di John Christopher è uno dei grandi classici della fantascienza apocalittica.

Come ci dice il titolo, la causa della fine del mondo non è una guerra nucleare, un impatto di un corpo celeste o qualche altro evento spettacolare, ma una malattia causata dal virus Chung-Li che uccide l’erba.

La prima vittima del Chung-Li è il riso, la Cina viene sconvolta da una carestia che uccide milioni di persone nonostante gli aiuti provenienti dall’occidente, gli scienziati riescono a un certo punto a contenere la minaccia, ma ben presto il virus si ripresenta e questa volta è in grado di attaccare qualunque tipo di erba, incluse tutte le graminacee (riso, orzo ecc…).

L’espansione del virus è inarrestabile, giunge in Europa e pure in Inghilterra, dove si svolge la storia, tutte le precauzioni e i tentativi di isolare e distruggere le coltivazioni infette falliscono mentre la conversione agricola da grano a patate avviene troppo lentamente.

Il protagonista della vicenda è John, un comune cittadino londinese avvertito dall’amico Roger, che ha un incarico governativo, del disastro imminente per l’Inghilterra nonostante le rassicurazioni delle autorità, l’unica speranza di salvezza è abbandonare Londra e raggiungere una valle chiusa dove vive il fratello di John, David, che ha ereditato la fattoria del nonno e possiede tutto ciò che serve per continuare a sopravvivere.

La fuga da Londra e il viaggio verso la valle nel mezzo del crollo della civiltà è davvero coinvolgente, il collasso dell’ordine costituito avviene di schianto, John diventerà capo di un gruppo via via più numeroso e dovrà occuparsi di scelte difficili, a volte crudeli, dovrà tenere l’equilibrio del potere, si renderà conto di essere diventato un uomo diverso, un uomo adatto al nuovo mondo.

Con lui respiriamo davvero la sensazione di disastro, di fine del mondo, che un uomo comune potrebbe trovarsi a vivere.

Solo 217 pagine per un romanzo che qualunque appassionato di genere apocalittico e post-apocalittico dovrebbe leggere.

 
2 commenti

Pubblicato da su 20 aprile 2014 in Recensioni

 

Tag: , , , ,

La Spada di Shannara

Immagine

La Spada di Shannara è la prima opera di Terry Brooks, prolifico scrittore fantasy con decine di romanzi e diversi cicli all’attivo, questo romanzo ebbe un successo sfolgorante all’epoca della sua pubblicazione (1977) ed ebbe sicuramente il merito di rilanciare il fantasy a livello mondiale.

L’ambientazione è collocata nel nostro futuro, dopo una guerra apocalittica che ha quasi distrutto il pianeta Terra, la conoscenza e la tecnologia del passato sono quasi del tutto perdute e la magia è riemersa dalle ombre della storia, alla razza degli Uomini si affiancano altre razze derivate: Nani, Gnomi e Troll, oltre agli Elfi, che già esistevano da millenni.

Immagine

Le Quattro Terre dove è ambientata la storia

Il protagonista del romanzo è il giovane mezzelfo Shea, che vive con la sua famiglia adottiva nella Valle d’Ombra, quando Allanon, un potente Druido, giunge da lui e lo avverte che il Signore degli Inganni, che tutti pensavano essere una leggenda sepolta dal tempo, è tornato.

I suoi servitori stanno cercando Shea perché è l’ultimo discendente di Jerle Shannara e quindi l’unico che può brandire la Spada di Shannara, l’arma in grado di distruggere il Signore degli Inganni.

La venuta dei Messaggeri del Teschio, creature volanti spettrali fatte d’ombra, più potenti di notte che di giorno, spinge Shea e suo fratello Flick ad abbandonare la valle natia e andare alla ricerca della spada, in questa ricerca, oltre ad Allanon, li aiuterà il principe Menion Leah, il ladro Panamon Creel e il Troll Kellset.

Mentre il Signore degli Inganni schiera la propria potenza contro le terre degli Uomini, degli Elfi e dei Nani, gli eroi verranno divisi e dovranno lottare tirando fuori il meglio di sé stessi per prevalere sulle avversità.

Quando anni fa intrapresi la lettura di questo romanzo rimasi deluso e la sensazione non è cambiata dopo la rilettura recente: la Spada di Shannara è un romanzo freddo, che non coinvolge, che sa da scopiazzatura dal Signore degli Anelli e con dei personaggi piatti e privi di carisma.

Forse parte di questa sensazione è dovuta al fatto che il canovaccio base riproposto da Tolkien (il predestinato “uomo comune”, il saggio anziano dai poteri magici, i compagni, il signore oscuro, la ricerca dell’oggetto che può distruggerlo ecc…) prendendo a piene mani dalla mitologia nordica è stata poi visto e letto così tante volte da perdere molto del suo fascino.

Forse, ma Terry Brooks ci ha messo del suo, per dirne una i Messaggeri del Teschio assomigliano tanto, troppo, ai Nazgul, e Allanon si comporta in modo fin troppo simile a Gandalf (appare e scompare nei momenti più improbabili), gli altri personaggi fanno per lo più da spalla e l’unico che forse è un po’ approfondito è Menion.

La trama si trascina stancamente, le cose sembrano accadere un po’ per caso, un po’ per forza, inoltre il finale è un gigantesco “what?”… SEGUE SPOILER

Shea prende finalmente la Spada di Shannara, il cui potere è la verità, il Signore degli Inganni appare ma viene distrutto perché la sua esistenza si basa sulla menzogna, lui in realtà è morto da tempo.

Ora dico, ma perché il Signore Oscuro deve materializzarsi nell’unico punto in cui può venire distrutto? Non può mandare decine di Troll o Uomini ad ammazzare Shea e poi prendere con comodo la spada?

Mah!

Immagine

Perché i cattivi devono sempre fare qualcosa di così dannatamente stupido?

In conclusione il mio giudizio su questo romanzo è fortemente negativo, tanto che all’epoca rinunciai a leggere le opere successive, mi riavvicinai a Brooks solo con la trilogia del Verbo e del Vuoto, ambientata negli anni ’90 e quindi un prequel lontano della Spada di Shannara.

Questa trilogia, di cui parlerò in seguito, è scritta decisamente meglio, e lo stesso vale per la trilogia successiva (La Genesi di Shannara), evidentemente col tempo Brooks è migliorato.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 15 aprile 2014 in Recensioni

 

Tag: , , , ,

Finisterra – Le sorgenti del Dumrak

Immagine

I popoli dell’Oltrecatena minacciano ancora l’Impero delle Tre Spade e il Regno di Vùos. I villaggi distrutti lungo il corso del fiume Dumrak sono il solo preludio di una nuova invasione. Dopo cinquecento anni di decadenza, vissuti nel sospetto e nella diffidenza reciproca, i principi dei due regni decidono di recarsi, insieme, sull’isola alla foce del Grande Fiume. Qui sospese tra carne e spirito, trovano ancora rifugio le anime degli Eroi dei tempi passati, l’unica speranza di Finisterra. “Risalite il fiume Dumrak, trovate la Ruota della Rinascita e versatevi il sangue reale” è il loro lapidario consiglio. Ha inizio così il viaggio che porterà gli eredi di Finisterra nelle misteriose terre oltre la Catena Impervia. Dalle mani di cinque giovani scrittori, riuniti nel collettivo Xomegap, un romanzo che intende far vibrare le corde epiche nascoste in ogni lettore.

 

Questa la quarta di copertina de “Le sorgenti del Dumrak”, il primo romanzo di una trilogia ambientata a Finisterra, un territorio diviso in due tra l’Impero delle Tre Spade e il Regno di Vuos, le due nazioni sono state a lungo in guerra ma attualmente vivono un periodo di pace.

Misteriose incursioni proveniente dall’Oltrecatena spinge le due nazioni a consultarsi e a chiedere consiglio agli spiriti degli Eroi, i quali affermano che l’unica speranza per Finisterra è risvegliare i caduti di cinquecento anni prima alla fortezza di Ultima Resistenza, caduti sotto i colpi degli sciamani dell’Oltrecatena.

Per farlo dovrà essere versato sangue reale nella Ruota della Rinascita, che si trova proprio nelle terre dell’Oltrecatena, così Cerphin Teophan, il primogenito dell’Imperatore e Joze Prekkajnel, figlio del principale feudatario del Re di Vuos, si metteranno alla guida della spedizione.

Ad accompagnarli ci sarà Haber Kaan, lo spirito di un Eroe, Talia, una sacerdotessa della Triade più fedele al suo capo religioso che all’Imperatore, Maredid, un capitano dell’esercito di Vuos.

 

Immagine

Una mappa di Finisterra

 

Francamente l’ho trovato al di sotto della sufficienza, pessimo nella prima parte e decente nella seconda, la colpa è degli eccessivi infodump ripetuti sia dal narratore, sia nei dialoghi tra i personaggi, spesso pure perfettamente inutili, cose del tipo:

La figura di Ctonio, signore della roccia viva e del fuoco sotterraneo, un essere dalle ali di fuoco e il volto di basilisco, era scolpita sulle pietre e dipinta nelle grotte. Nemmeno il Tempio di Naker, eretto secoli addietro dall’altra parte del fiume, era riuscito a sradicare del tutto quel culto tenebroso, celebrato nelle grotte poste alle altezze più proibitive, in cui si offrivano olocausti nelle notti di novilunio e si interrogavano le interiora degli animali sacrificati.

Tale Ctonio e il suo culto è inutile ai fini della trama (non se ne parlerà più) e me lo sono ricordato solo perché, facendo questa recensione, ho riletto alcune parti del romanzo.

Spesso a ogni affermazione di un personaggio segue una spiegazione del narratore, tanto per fare un esempio, Talìa in una discussione sugli eventi di secoli prima a Ultima Resistenza:

“Tra loro c’era anche il Gran Sacerdote Dalak” disse Talìa, come per ribadire il sacrificio del clero della Triade in quella battaglia.

Il che è fastidioso, il lettore non dovrebbe aver bisogno di tutte queste spiegazioni che sembrano quasi delle note a piè di pagina.

In generale tutta la prima parte del romanzo potrebbe essere ridotta in favore della seconda, dove almeno succede qualcosa, la prima sembra più un depliant turistico di Finisterra.

Ci sono molti personaggi secondari che appaiono per poche pagine senza lasciare granché al lettore, anche se magari saranno ripresi nel seguito sarebbe stato meglio escluderli del tutto o approfondirli.

La descrizione dei popoli dell’Oltrecatena e dei suoi sciamani non è così impressionante e infine la prove a cui vengono sottoposti i protagonisti per accedere alla Ruota della Rinascita sono un po’ causali e insensate.

Di positivo c’è qualche personaggio interessante (Joze Prekkajnel, Haber Kaan) e il finale inaspettato che può far venire voglia di leggere il secondo libro, quando uscirà in formato e-book, perché investire 15 € nel cartaceo del seguito di Le Sorgenti del Dumrak è una pessima idea.

 Il sito del collettivo Xomegap

Le Sorgenti del Dumrak su Amazon

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 1 aprile 2014 in Recensioni

 

Tag: , , ,

 
Forest... and surroundings

fabio chinellato | dottore forestale

Marta Duò

Sempre immersa nei libri, ho ricavato un angolino per raccontare di mondi in rovina.

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Malichar

Se lo hai pensato, lo hai creato... in qualche universo.

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

Cristina Da Rold

Health journalism & communication

Mad Master Of Gods

Ribellitù miste

Fumetti Etruschi

Con commenti dolci o bruschi

Storie e storia

La storia breve

Il Tredicesimo Cavaliere

Scienze dello Spazio e altre storie

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Plutonia Experiment

Un blog quantico

Taccuino da altri mondi

Avrei voluto veder accadere cose nella mia vita. Sapevo che niente era come sembrava, ma non riuscivo a trovarne una prova.

CINEMANOMETRO

recensioni film fantascienza, horror, mostri e amenita varie

Tapirullanza

Una vetrina di narrativa curiosa